Courmayeur

6/9 FEBBRAIO 2020

Un esordio dai grandi numeri

L’evento Courmayeur Design Week-end 2020 si chiude con un generale consenso: dai progettisti invitati ai turisti incuriositi. Per quattro giorni Courmayeur è stata un’incredibile cornice a questa kermesse, che ha sedotto e convinto tutti. Che il paesaggio fosse mozzafiato, certo lo si sapeva, che gli oggetti cult del design fossero quasi opere d’arte, pure; ma che il connubio tra queste due realtà, potesse creare una sinergia così attraente, non era scontato. Le numerose installazioni e conferenze dedicate ai brand del design, ai giovani talenti, alla fotografia, alla stampa 3D e all’artigianato più contemporaneo, hanno dato vita ad un week-end davvero speciale. La Courmayeur Design Week-end, infatti, non è solo una mostra di prodotti iconici e innovativi, ma un’occasione di riflessione e scambio culturale, legata al design e all’architettura. Una manifestazione che ha trasformato Courmayeur in un cuore pulsante di cultura, design e stile, come riassume l’organizzatrice Paola Silva Coronel: 

“Non potrei essere più felice e soddisfatta. Siamo riusciti a creare un’edizione zero convincente e coinvolgente. Tutti i più importanti brand del design hanno aderito con entusiasmo, così come gli attori locali. Abbiamo coinvolto relatori straordinari come Michele De Lucchi, che dalla vetta del Monte Bianco Skyway ha trasportato quasi un centinaio di spettatori in un mondo visionario e immaginifico: una grande emozione per tutti. Anche il tempo è stato dalla nostra, regalandoci quattro giornate da cartolina. Mentre arrivano messaggi di apprezzamento, la mia mente vola già alla prossima edizione: attrarre più aziende, coinvolgere tutti i negozi di Courmayeur e dedicare più spazio ai giovani talenti”. 

CONFERENZE

PEAKS AT WORK

Sei architetti e un giornalista riflettono sui nuovi tempi del lavoro, sullo spazio che supera i limiti di una stanza per diventare paesaggio. Il tempo, come ossigeno in alta quota, si rarefà e per assorbirlo è necessario stabilire un nuovo ritmo. 

Giorgio Tartaro dialoga con Cesare Chichi, Gino Garbellini, Antonio Gioli, Paolo Mantero, Michele Rossi, Giuseppe Tortato

EARTH STATIONS

“Le Earth Stations sono luoghi che servono per mettere insieme la gente. È impensabile oggi progettare uffici per separarla, gli uffici devono essere dei luoghi dove ci si incontra, […] per stare insieme e lavorare insieme.”

Michele De Lucchi

IMPRINTING RELOADED

Quelli che furono i tempi del proibizionismo si riscoprono, 100 anni dopo, molto più possibilisti. Le nuove tecnologie manifatturiere catalizzano l’attenzione di molti designer dando vita ad una nuova corrente creativa.

Denis Santachiara, Giacomo Wilhelm, Claudio Molinelli e Ettore Lariani

MOSTRE

UFFicio IN MOSTRA

Dieci anni di ricerca, raccontati con una mostra analogica, sull’evoluzione dei luoghi e del modo di lavorare. Le classi del laboratorio di progettazione di interni, della Scuola del Design del Politecnico di Milano, hanno indagato e riflettuto sui cambiamenti nel mondo del lavoro. Un mondo che è noioso già dal nome: UFFicio, ma che invece, proprio perchè al centro della vita di ognuno di noi, ha un assoluto bisogno di creatività e riorganizzazione. 
La mostra, attraverso immagini, video e modellini incredibili, racconta questo percorso e indica una via evolutiva.

Michele De Lucchi, Paola Silva Coronel, Francesca Balena Arista e Marco De Santi hanno guidato gli studenti in questo percorso di indagine e riflessione

CHICken

In Piazza Petigax una mostra fotografica en plein air.
A recitare il ruolo di protagonisti sono galli e galline come non li avete mai visti. Un mondo animale pop e iconico, ricco di colori e volumi, sublimato in una dimensione naturale di pura estetica.

Progetto fotografico di Moreno Monti e Matteo Tranchellini

NEO

In mostra all’Espace Grivel la visione dei giovani designer.
Che fine ha fatto il design italiano? Dove sono i giovani progettisti? Nèo è la risposta, un progetto aperto che ha come obiettivo quello di coinvolgere e promuovere i giovani designer italiani. L’idea nasce dall’incontro di tre giovani, Giuseppe Arezzi, Teo Sandigliano e Sara Bizzocchi, e si concretizza nell’obiettivo critico di portare alla luce le novità del design italiano e allo stesso tempo aprire una discussione sulla disciplina.

Curata da Teo Sandigliano

ICONE DEL DESIGN

Una mostra diffusa di oggetti del design nelle vetrine dei negozi di Courmayeur.

CHALET DE L’ANGE

Nello spazio Jaguar-Land Rover trovano spazio alcuni dei brand più importanti nel panorama nazionale e internazionale. Una raccolta di minature Vitra, che replicano in maniera perfetta, diverse sedute d’autore.
Una mostra iconografica di prodotti vincitori del compasso d’oro. ADI, Associazione per il Design Industriale, rappresenta dal 1956 le idee e gli interessi del sistema del design in Italia e nel mondo. Il suo obiettivo è favorire lo sviluppo del disegno industriale come fenomeno culturale e economico, per migliorare lo sviluppo concreto, responsabile e dignitoso delle condizioni di vita dell’uomo.

EVENTI

SKICAD
5 gennaio 2000 – 8 febbraio 2020

Dopo vent’anni ancora sulla cresta!
È sempre stata un gioco, un momento di svago. Nata in risposta ad un torneo di calcetto che, nell’autunno 1999, i ragazzi dello studio di Ettore Sottsass Jr. avevano organizzato tra i grandi studi di progettazione di Milano. Ma il calcetto, allora, era riservato ai soli uomini, così venne l’idea di rilanciare con una gara di sci.
Nacque così skiCAD, acronimo di Ski Competition for Architects and Designers e affine ai software utilizzati dai progettisti. Due sono gli aspetti fondamentali dell’evento: i premi, offerti dai principali brand e riviste del settore; il livello tecnico nell’affrontare il tracciato è sempre decisamente scarso! Qualche punta di diamante negli anni c’è stata e si mormora che abbiano collezionato più trofei skiCAD che multe per sosta vietata! L’evento ha sempre riscosso il consenso unanime, con edizioni che hanno visto al cancelletto di partenza oltre 200 iscritti. 
È proprio per festeggiare questo traguardo che è nata l’idea di organizzare un evento collaterale, la Design Week-end, che ha poi preso il sopravvento. 

Design Lounge

Viviamo per lavorare, lavoriamo per vivere, a volte viviamo lavorando. Per la durata della manifestazione si può trovare uno spazio per lavorare aperto a tutti e dotato dei mezzi necessari per farlo, grazie al supporto di HP, Adobe, Wacom e Rhinoceros. 
È ora di dare un vero senso allo smart-working, salendo oltre i 1200 metri, dove le montagne sono così alte che toccano il cielo e i “toni di grigio” non sono l’opzione di un software di grafica, ma le varianti cromatiche di rocce illuminate dal sole e ombreggiate dalla neve.

Armani/Casa @ Hotel Le Massif

Sinonimo di eleganza e stile, Armani/Casa nasce dal sogno abitativo di Giorgio Armani: vivere la casa come un luogo intimo, sofisticato e unico dove ritrovare comfort e armonia. Mobili e complementi d’arredo, lampade, tessuti e carte da parati sono i punti cardine delle collezioni.
Il lounge dell’Hotel Le Massif, situato nel centro di Courmayeur, fa da sfondo ad alcuni dei mobili della collezione Armani/Casa, pronto ad accogliere i suoi ospiti per un momento di relax o di divertimento.